PRODOTTI ANTI CADUTA

PRODOTTI ANTI CADUTA

La caduta dei capelli è un problema che affligge sia gli uomini che le donne. Un tempo la perdita dei capelli maschile era accettata come un fatto naturale. Oggi, che anche gli uomini sono sempre più vanitosi e attenti all’aspetto fisico, la caduta dei capelli inizia ad essere vissuta come un problema anche dai maschietti. Per questo motivo sono sempre più diffusi i sistemi per ridurre o bloccare la caduta dei capelli maschile. Vediamo insieme quali sono questi prodotti e come agiscono.

Caratteristiche di un buon prodotto anti caduta



Quali caratteristiche deve avere un buon prodotto anti caduta? Sono sostanzialmente due, ovvero:



  • avere proprietà vasodilatatorie

  • combattere la formazione e l’accumulo del dht



Queste due funzioni sono estremamente importanti in un prodotto anti caduta e, quando presenti, bloccano la caduta dei capelli. La vasodilatazione infatti garantisce un maggior afflusso di sangue verso i follicoli, che in questo modo restano attivi e vitali, grazie al sangue che trasporta preziose sostanze nutritive, mentre, come sappiamo, il dht è il principale agente responsabile dell’alopecia androgenetica che colpisce la popolazione maschile. Il dht deriva dal progesterone, ormone maschile per eccellenza. Quando il cuoio capelluto è ben nutrito da un adeguato afflusso di sangue, si riduce anche la quantità di testosterone che viene convertita in dht.



E’ quindi estremamente importante che un buon prodotto anti caduta possegga entrambe queste caratteristiche per essere veramente efficace. Ma quali sono i principali prodotti anti caduta presenti in commercio?


I principali farmaci anticaduta presenti in commercio sono due: Monoxidil e Finasteride.


Il Monoxidil è un farmaco vasodilatatore molto utilizzato nel trattamento per la perdita dei capelli. Fu inizialmente messo a punto per combattere l’ipertensione, ma si noto un curioso effetto collaterale: il suo utilizzo provocava irsutismo cioè crescita anomala di peli e capelli. Iniziò quindi ad essere utilizzato per combattere l’alopecia androgenetica.

La sua assunzione deve essere costante nel tempo. Quando si interrompe, scompaiono anche i benefici legati al suo utilizzo. Questo rende le persone sottoposte a questo trattamento schiave del prodotto. Presenta anche significativi effetti collaterali che concernono la sfera sessuale (disfunzione erettile e calo della libido).



Il Finasteride è un farmaco che agisce inibendo l’enzima 5-alfa redattasi di tipo II. E’ un prodotto che viene impiegato nel trattamento del cancro alla prostata, ma anche nel trattamento anti caduta dei capelli. Esso è in grado di fermare l’avanzamento della calvizie e di promuovere la ricrescita dei capelli. Tra i suoi effetti collaterali ci sono quelli legati alla sfera sessuale, come la disfunzione erettile e il calo della libido, ma anche la ginecomastia (crescita del seno), oltre a tutta una serie di effetti collaterali che colpiscono la sfera emotiva. Gli effetti collaterali legati alla sfera sessuale possono continuare anche dopo la sospensione della sua assunzione. Si tratta pertanto di un farmaco piuttosto invasivo, che sarebbe meglio lasciare sugli scaffali delle farmacie.



Se i prodotti anti caduta sono troppo invasivi cosa fare per rimediare al problema? Il mio consiglio è sicuramente quello di utilizzare dei prodotti naturali e privi di effetti collaterali. Esistono in natura molte piante che hanno proprietà vasocostrittrici che possono essere impiegate sotto forma di lozioni da massaggiare sul cuoio capelluto oppure assunte sotto forma di tisane.

La prevenzione è poi fondamentale: bisogna, già in età molto giovane, prendersi cura adeguatamente dei propri capelli in modo da evitare tutte quelle condizioni (come ad esempio la seborrea) che possono amplificare il fenomeno.