Visita tricologica

Visita tricologica

Con un microscopio si effettua la visita tricologica e si analizza il cuoio capelluto, il tricologo in questione infatti con l'aiuto di una microcamera High Resolution può mettere a fuoco le parti interessate e verificare se sono presenti delle anomalie, quali possono essere la dermatite seborroica,follicolite,cute grassa, cute secca, seborrea o altre ancora.

Tuttavia la visita tricologica non è soltanto un analizzazione del cuoio capelluto tramite il microscopio, ma esistono anche altri test per verificare lo stato di salute dei capelli, i quali con efficacia determinano le cause che della caduta dei capelli e in che fase del ciclo di ricrescita i capelli sono.

Dopo aver verificato il tipo di problema ed il livello della calvizie femminile o calvizie maschile il tricologo può passare al test del capello con l'utilizzo del tricogramma, il quale è un'esame molto complesso e molto dettagliato, anche se non è l'ultimo test.

Infatti esistono altri tipi di test che vediamo qui sotto:

Tricometria. In sostanza è per verificare se il soggetto soffre di capelli fini e può essere molto utile per alcuni tipi di patologia, calcolando il diametro del capello.

Pull test. Si testa la resistenza dei capelli tramite particolari trazione sui capelli.

Wash test. In sostanza possiamo definirlo una conta dei capelli dopo non averli lavati per qualche giorno.

RISULTATI DELLA VISITA TRICOLOGICA

La visita tricologica completa serve a fornire al professionista delle informazioni che possono essere utili per trovare le cause della perdita dei capelli e del conseguente diradamento dei capelli. Naturalmente dopo questa serie di test il tricologo sarà anche in grado di codificare il miglior rimedi contro la caduta dei capelli. In ogni caso consigliamo ai pazienti di non allarmarsi, in quanto si potrebbero essere stati colpiti da un effluvio telogen oppure ad un problema di alimentazione causato da una dieta troppo drastica in cui sono assenti le proteine e i minerali.