Impianto di capelli finti

Impianto di capelli finti

Da qualche anno per camuffare la calvizie sono utilizzati anche gli impianti di capelli, in special modo quando il diradamento dei capelli è molto avanzato e non c'è la possibilità di recupero dei capelli in quanto i follicoli piliferi sono già stati posti sotto atrofizzazione.

Questa tecnica può essere eseguita in due modi differenti, o con dei capelli di fibra sintetica, oppure con dei capelli veri di persone donatrici i quali naturalmente devono essere trattati e sottoposti alla sterilizzazione. Questa tecnica è la più vecchia in quanto è stata sostituita prima dalla tecnica F.U.T. e poi da quella F.U.E. anche se in qualche clinica tricologica viene di rado eseguita.

MA COME VIENE ESEGUITO TALE IMPIANTO?


Con utilizzo di uno speciale strumento i capelli vengono innestati a qualche millimetro sotto la cute dei capelli, e legati nella zona di “Galea Capitis”, una fascia presente sotto la cute dei capelli.

I capelli si fissano a questa fascia con una epitelizzazione la quale rende i capelli più forti ad un qualsiasi tipo di trazione. A differenza degli autotrapianti di capelli F.U.T e F.U.E., questa tecnica a numerosi svantaggi, infatti se per qualche motivo i capelli cadono non possono più ricrescere, proprio per questo motivo esistono anche i reinesti che possono essere utilizzati per re-infoltire la parte dei capelli caduti e ha creato un diradamento.

Un'altro problema è che possono dare vita ad dei granulomi, i quali poi devono essere asportati chirurgicamente. In sintesi ormai l'autotrapianto ha soppiantato questa tecnica, in quanto è più veloce e poco invasiva.

Naturalmente noi come al solito prima di effettuare un trapianto di capelli che siano propri o finti, avremmo il piacere di vedere che il paziente abbia cercato in tutti i modi di arrestare la caduta dei capelli visto che ormai esistono davvero molte tecniche che vengono utilizzate nei nostri giorni.