MICROFIBRE DI CHERATINA O DI COTONE? ECCO LE PIU' UTILIZZATE

MICROFIBRE DI CHERATINA O DI COTONE? ECCO LE PIU' UTILIZZATE

Differentemente dall'infoltimento chirurgico chiamato autotrapianto di capelli e parrucche in generale, le microfibre di cheratina pongono la propria efficenza sul principio scientifico dell'elettrostatica. Questa particolarità da la possibilità alle microfibre una tenuta anche dopo che sono state applicate sui capelli, garantendo una resistenza anche in situazione di forte vento o sfregamento.

Chi come me, utilizza le microfibre per capelli da qualche tempo può essere testimone che solo utilizzando uno shampoo di qualità può rimuovere le microfibre che ormai sono attaccate al fusto dei capelli. L'utilizzo delle microfibre di cheratina è abbastanza semplice, infatti ogni qualvolta notiamo un diradamento dei capelli sul cuoio capelluto in 30 secondo possiamo nasconderlo.

Non abbiamo niente da dire per quanto riguarda la meteria prima, infatti i migliori marchi già all'inizio delgi anni '90 utilizzavano la lana di pecora di prima scelta per realizzare le fibre di cheratina. I punti di forza della cheratina è che è traspirante e non da problemi alla crescita e alla traspirazione dei capelli, in più non irritano. Inoltre non è difficle creare dei colori ad Hoc i quali possono essere prefettamente combinati con i capelli dell'individuo, tutto questo può garantire un perfetto make up.

Ma non finisce qui, infatti i vantaggi sono molteplici, le microfibre di cheratina sono praticamente invisibili anche da chi guarda da vicino la capigliatura dell'utilizzatore. Infatti queste fibre per capelli sono piccolissime tanto che si parla di qualche micron e una volta che hanno aderito sui capelli sono fanno un tutt'uno con i capelli fini andandoli ad ingrossare e nascondendo perfettamente il diradamento dei capelli.

Le microfibre di cheratina sono ormai una realtà ben nota da chi ha problemi di diradamento, infatti sono veloci e facili da applicare e possono essere applicate ovunque, dal bagno di una discoteca all'ufficio allo spogliatoio della fabbrica. Naturalemnte bisogna fare un pò di attenzione ma per l'applicazione bisogna prendersi cura di fare un buon lavoro altrimenti potrebbe sembrare un pasticcio.

La buona soluzione delle fibre di cheratina ha indotto molte persone a risolvere il problema estetico tralasciando il fatto che si uò tentare di combattere la calvizie prima che sia troppo tardi, proprio per questo motivo oltre al fatto che le microfibre diano un buon risultato è meglio non sottovalutare il problema e rivolgersi ad un tricologo.

ESISTONO ALTRE FIBRE PER CAPELLI : MICROFIBRE DI COTONE

Nel corso degli anni anche le microfibre per capelli hanno avuto un'evoluzione. Per esempio invece di utilizzare la cheratina animale alcuni produttori hanno utilizzato il cotone, il quale è più semplice da trovare in grandi quantità. Le microfibre di cotone sono solitamente colorate con degli ingredienti naturali chiamati ossido di ferro. Dopo aver interpellato molti utilizzatori abbiamo constatato che le fibre di cotone sono molto più in voga negli ultimi anni. Infatti sembra che la forza elettrostatica delle fibre di cotone si molto più forte delle microfibre di cheratina.

Da studi scientifici e da come si può vedere nella scala triboelettrica di wikipedia il cotone è più distante rispetto alla lana dal materiale con più elettrostaticità. Infatti possiamo notare come la lana sia più vicina ai capelli di quanto lo sia il cotone. Questo a confermare come le microfibre di cotone sono molto più affidabili per quanto riguarda la forza elettrostatica e di conseguenza l'aderenza ai capelli presenti sul cuoio capelluto. Da questo punto di vista anche se le fibre di cheratina sono un buon prodotto cosmetico e naturale, le microfibre di cotone nate qualche anno dopo le fibre per capelli di cheratina sono di seconda generazione.